Pagine

giovedì 10 dicembre 2009

Se vuoi la pace, custodisci il creato

A Copenaghen è in atto la Conferenza dell'Onu sui cambiamenti climatici e il Papa nell'Angelus di domenica, ha auspicato che in tale sede si possano individuare azioni rispettose della creazione e promotrici di uno sviluppo solidale, fondato sulla dignità della persona umana ed orientato al bene comune. La salvaguardia del creato richiede l'adozione di stili di vita sobri e responsabili, soprattutto verso i poveri e le generazioni future.
Già nell'enciclica Caritas in veritate, consegnata tra l’altro ai potenti del mondo nel corso dell’ultimo G8 all’Aquila, il Papa ricordava che la natura è un dono di Dio, da «usare responsabilmente» e chiedeva ai Paesi ricchi e ai gruppi di potere di porre fine «all’accaparramento delle risorse» e allo «sfruttamento delle risorse non rinnovabili». Se si intende coltivare il bene della pace - questo è il pensiero del Papa - si deve favorire una rinnovata consapevolezza dell'interdipendenza che lega tra loro tutti gli abitanti della terra. Tale consapevolezza concorrerà a eliminare diverse cause di disastri ecologici e garantirà una tempestiva capacità di risposta quando tali disastri colpiscono popoli e territori. La questione ecologica non deve essere affrontata solo per le agghiaccianti prospettive che il degrado ambientale profila: essa deve tradursi, soprattutto, in una forte motivazione per coltivare la pace.
Anche il messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale della pace, che si celebrerà il 1 gennaio 2010, sarà dedicato al tema del rispetto del Creato ed avrà come titolo:"Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato".

Nessun commento:

Posta un commento