Pagine

domenica 21 febbraio 2010

Gratuitamente avete ricevuto

Letto su Avvenire.

Da mezzo secolo visito i missionari nel Sud del mondo. Tornando in Italia, racconto la mia esperienza e dico a chi mi ascolta che noi siamo i privilegiati dell’umanità, perché abbiamo ricevuto tanto da Dio e molti altri hanno ricevuto poco o nulla. Nel 1985, l’anno della siccità in Africa, ho visitato il Burkina Faso. Nella missione di Nanorò, una suora mi porta nel dispensario medico dove c’è un bambino di pochi mesi la cui mamma è morta e da diversi giorni non ha il suo latte. Le suore stanno lavandolo e poiché non riesce a bere, gli fanno una iniezione di acqua sterilizzata, ma è morto poche ore dopo. Mentre lo osservo, magro da far spavento, caro e povero ragnetto nero e nudo, mi commuovo e penso: «Perché io ho ricevuto tanto e questo bambino non ha ricevuto nulla? Non siamo tutti e due figli dello stesso Padre? Perché, Signore, tu vuoi più bene a me che a lui? Perché a me hai dato tanto e a lui niente?».
La risposta l’ha data Gesù: «Amerai il prossimo tuo come te stesso» (Lc 10,27). E ancora: «Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date» (Mt 10,8). L’avarizia è l’esatto contrario di quel che ha insegnato e vissuto il Signore. Nel mondo globalizzato, l’avarizia dei ricchi del mondo è il maggior ostacolo alla pace fra i popoli. Nel 1964 il ricco industriale Marcello Candia (1916­1983) ha venduto le sue industrie ed è andato con i missionari in Amazzonia, costruendo un grande ospedale e altre opere di assistenza per i poveri.Quando i medici lo sconsigliavano di tornare in missione (dopo cinque infarti e un’operazione al cuore) diceva: «Chi ha molto ricevuto, deve dare molto». È morto a 67 anni. Gesù non ha organizzato campagne contro la fame e la schiavitù, ma ha annunziato agli uomini il Vangelo, che è «il manuale del buon vivere» per un riscatto integrale dalla miseria morale e materiale dell’umanità.
                                                                       (Piero Gheddo, scrittore e missionario)

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...