Pagine

sabato 10 aprile 2010

Oggi ho deciso di perdonare

Ogni anno, per la precisione il 21 marzo, l'associazione "Libera" organizza eventi per ricordare le vittime della mafia. Quest'anno la giornata è stata celebrata a Milano, con un corteo a cui hanno partecipato tantissime persone, tra le quali i familiari delle vittime di mafia.
Leggendo dell'iniziativa sul quotidiano Avvenire, mi ha particolarmente colpito la testimonianza di Debora Cantisano, che desidero condividere con voi.
"Lollò Cantisano era un bravo fotografo e una persona per­bene. Aveva una bella fami­glia e aveva coronato il sogno di u­na vita, comperarsi una casetta in riva al mare per l’estate a Bovali­no Marina. La ’ndrangheta lo rapì nel 1993, la famiglia pagò il ri­scatto, ma lui non fece mai più ri­torno.E per dieci, terribili anni di lui non si è saputo più nulla.
«Poi – racconta Debora, sua figlia, 38 anni – nel 2003 ricevo una let­tera anonima. Un uomo indicava il punto dove è stato sepolto e rac­conta a che i sequestratori l’ave­vano ucciso per errore. Volevano tramortirlo, ma lui era morto per un colpo ricevuto in testa. Aveva 56 anni. Il medico legale ha con­fermato che lo hanno ammazza­to sfondandogli il cranio. La let­tera si concludeva con una di­chiarazione di pentimento e la ri­chiesta di perdono».
Debora non si è mai arresa, ha sempre reagito al dolore impe­gnandosi.
 
«Dopo il sequestro organizzam­mo un comitato di giovani, fu u­na cosa che fece rumore a Bova­lino. Volevamo tenere viva l’at­tenzione. Sono stati anni alluci­nanti, la speranza che mio padre fosse vivo non mi ha mai abban­donato. Almeno abbiamo potuto seppellirlo, rispetto ad altri siamo stati fortunati». Questa donna pic­cola e forte si è avvicinata a Libe­ra, si è impegnata negli incontri con i giovani. Oggi la casa sul ma­re di Lollò ospita campi estivi. So­prattutto, in lei è maturato il de­siderio di perdonare l’assassino del papà.
  «Quella lettera mi ha colpito. So­no credente e se uno decide di pentirsi, significa che ha compiu­to un cammino. Credo che un as­sassino possa cambiare e possa sinceramente diventare un’altra persona. Questo me lo diceva an­che mio padre». Così oggi Debo­ra ha deciso di incontrare i dete­nuti del carcere di Reggio Cala­bria.
 
«Non sono boss, sono la manova­lanza delle ’ndrine. Ma mi siedo di fronte a loro e racconto la storia di mio padre. Tutto qui. In genere da questo nasce un confronto. Cre­do che questo possa essere di sprone per chi ha sbagliato». Per prevenire altro male e riparare quello che è stato fatto".

Nessun commento:

Posta un commento