Pagine

domenica 4 settembre 2011

Il successo è anche arrivare ultimi

Non amo la competizione quando è vissuta in modo poco rispettoso dell'avversario e di se stessi.
Mettersi in gioco aiuta a crescere, ma vincere non fa mica sempre bene. Intendo dire che a volte è più onorevole perdere dignitosamente. Quando abbiamo fatto tutto quello che potevamo, la vittoria non è importante per se stessa. Conta di più, in un certo senso, accettare la sconfitta, o meglio, il risultato, qualunque esso sia. Con il proposito, comunque, di continuare a dare del nostro meglio, perchè questo è ciò che conta. Come è accaduto a Pistorius. Sapete di chi parlo?
Oscar Pistorius non aveva neppure un anno quando per una grave malformazione subì l'amputazione delle gambe, ma con la forza di volontà e la tecnologia (le protesi sempre più all'avanguardia) è riuscito a praticare tutti gli sport, dalla pallanuoto al rugby.
E' stato l'ultimo a tagliare il traguardo della semifinale dei 400 metri sulla pista di Daegu (Corea del Sud), ma lo ha potuto fare a petto in fuori e con l’orgoglio di chi – nella storia dello sport – verrà ricordato come il primo atleta disabile ammesso a una gara per normodotati. Perchè, sapete, quando con le sue protesi incominciava a vincere su atleti dotati di gambe e piedi naturali, qualcuno insinuò che quei successi derivassero proprio dalle sue protesi. Una commissione scientifica si pronunciò sostenendo che quegli arti al carbonio «a ogni appoggio restituiscono il 90% dell’energia trasmessa alla pista, anziché il 60% come un piede umano».Come dire che il ragazzo vinceva solo grazie all’aiuto della tecnologia.
Un'altra sfida che Oscar ha accettato con la consapevolezza che non era così, che se vinceva era per il duro allenamento e la forte determinazione.
Pistorius ha poi ottenuto ragione e può oggi gareggiare con atleti normodotati. La sconfitta sulla pista di Daegu è stata comunque per lui una vittoria. Come vedete, diversi sono i modi di vincere. In modo onesto, intendo, e anche se non si arriva per primi.






Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...