Pagine

domenica 17 luglio 2016

L'esperienza religiosa deve essere dono per tutti

Alla luce di quanto accaduto una frase su cui riflettere.

«L’autentica esperienza religiosa è un dono per tutti, anche per chi la fede non ce l’ha, o ne ha una diversa. Al di fuori di questo dono gratuito, c’è solo barbarie, idolatria, auto-inganno, consumismo emotivo, ricerca di potere e di denaro. In questo nostro tempo di profonda crisi delle religioni e delle fedi, dobbiamo tornare a parlare bene dello spirito religioso, a dirne buone parole, a bene-dirlo. È solo la buona spiritualità che può curare le malattie e le perversioni delle religioni. Un mondo senza fedi e religioni sarebbe soltanto un luogo infinitamente più povero».
L. Bruni, in Avvenire del 10 luglio 2016

Palazzo dell' ONU a New York: l'epigrafe che riporta Isaia 2,4
«Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci. Un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell'arte della guerra». 

Nessun commento:

Posta un commento