Pagine

domenica 1 gennaio 2017

Fratelli

Fratello, che parola impegnativa!
Il termine odierno fratello è un diminutivo di frate, contrazione del latino frates. A sua volta , il lemma latino trova un riscontro diretto nel sanscrito bhratar, al cui interno troviamo la radice bhar-, legata all'idea di sostentamento e nutrizione. Per questo motivo un fratello, oltre ad essere nato dagli stessi genitori, rappresenta "colui che sostiene", una sorta di secondo padre (l'etimologia infatti è simile) che accompagna ed è accompagnato per tutta la vita dagli altri "bhratar" (http://www.etimoitaliano.it/2014/01/fratello.html).
Basterebbe questo per comprendere che veramente è una parola impegnativa. Caino, interpellato da Dio sulla sorte di Abele risponderà: «Sono forse io il custode di mio fratello?» (Gen 4,9)
Domanda che ha un’unica risposta: sì!
Il fratello (e nella fede cristiana si è fratelli indipendentemente dall'essere nati dagli stessi genitori) va custodito ed amato. Soltanto quando si rompe questo legame di sostentamento e cura, il fratello diventa un nemico, un avversario, un impiccio.
Che la parola fratello contenga l’idea di sostentamento e nutrizione è pienamente comprensibile: si cessa di essere figli, prima ancora che fratelli. Quando i genitori non ci sono più è bello sapere che c’è un fratello su cui poter contare. La sapienza umana, che per chi crede ha una fonte divina, ha consegnato alle parole un significato di verità.
Che il nuovo anno ci porti a metterci nei panni gli uni degli altri per poter cogliere il bisogno di cura che l’altro porta con sé.
Che il nuovo anno ci allontani dal rischio di pesare e misurare la cura che fraternamente dobbiamo avere gli uni per gli altri.
Che il nuovo anno ci aiuti a ricordare che viene un tempo in cui diventiamo “fratelli” dei nostri genitori, perché saremo noi "figli" a doverli sostenere quando ne avranno bisogno. Dovremo essere per loro dei secondi padri/madri. Cioè “fratelli”.
È con la fraternità che si costruisce il bene e si può sperare in un mondo migliore.


Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...