Pagine

lunedì 11 settembre 2017

Il cono dell'apprendimento

Quando chiedo agli alunni come studiano, la risposta è sempre questa: "Leggo e ripeto". Alcuni aggiungono altri particolari, tipo: "Leggo e ripeto tre volte". Se chiedo, "perché tre e non due o otto", mi rispondono che è la mamma o la maestra o il professore ad averlo suggerito. Qualcun altro inserisce, tra il leggere e il ripetere, "sottolineo" e qualcun altro ancora "cerco di capire".
A farla breve, la risposta può anche essere personalizzata ma si basa, purtroppo, su una strategia poco efficace, come, riprendendo la metafora del libro che sto leggendo (M. Salvo, Studiare è un gioco da ragazzi, Gribaudo), pensare di dipingere una stanza utilizzando dei pennarelli invece di strumenti ben più adatti, come rulli per imbiancare o grossi pennelli.
E' chiaro che la voglia di studiare non può reggere ad una fatica importante (leggere e ripetere tre e più volte) non seguita da risultati appaganti. Per molti alunni è così, perché il leggere e ripetere per loro funziona meno bene che per altri. D'altra parte, e questo vale per tutti, è scientificamente provato che, dopo due settimane, noi tratteniamo solo il 10% di ciò che leggiamo.
Il 10%! tanta fatica per trattenere solo il 10%!
Edgar Dale è un pedagogista che, studiando e osservando il nostro modo di apprendere  ha scoperto che la memoria è profondamente influenzata dalle esperienze, più che dal leggere e ripetere.
Le sue analisi sono evidenziate in quello che è chiamato il "Cono dell'apprendimento".


Questa piramide impietosamente ci fa notare come le raccomandazioni che il più delle volte diamo ai nostri figli o studenti siano assolutamente poco efficaci.
L'apprendimento inizia a funzionare se è nel settore attivo di questo cono. Il coinvolgimento, il lasciarsi coinvolgere, valgono più di tante letture!
Con questo non intendo dire che non abbia più senso leggere e ripetere ma che è l'approccio allo studio che va cambiato: non più passivi, ma attivi.
Già migliaia di anni fa, Confucio, il noto filosofo cinese, proponeva un metodo per imparare:

Vedo e dimentico. Sento e ricordo. Faccio e comprendo.

Tradotto oggi è il concetto del Learning by doing. Come direbbe Matteo Salvo nel suo libro:

Esci dallo schema di studiare per imparare e invece studia per spiegare

Nessun commento:

Posta un commento