Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Lo sciupio di una vita

Immagine
Vite spezzate da chi non ha rispetto per la vita, da chi antepone l'ideologia (ma di questo si tratta? o è rancore? invidia? o cos'altro?) alla pietà e al decoro.
Qualche tempo fa leggevo della morte di Provenzano, un capo mafioso. Voglio riportarvi la riflessione di don Maurizio Patriciello su Avvenire del 14 luglio 2016.
Le sue parole possono essere applicate a tutti quelli che hanno scelto la via del male. Così facendo sciupano la loro vita e, purtroppo, distruggono anche la vita degli altri.

[...] «Che peccato» mi ritrovo a farfugliare. «In che senso, che peccato?» mi chiede il mio confratello. Che peccato, lo svolgersi della vita di quest’uomo che tanto male ha fatto a se stesso e agli altri. Che peccato lo sciupìo di un’intelligenza che non ha saputo farsi cultura, impegno, passione per migliorare se stesso, la Sicilia e l’Italia. Che peccato la fine di questa parabola. Che brutta vecchiaia. Che orrenda morte. Si è spento lentamente. Solo. Senza le coccole che i vecchi r…

L'esperienza religiosa deve essere dono per tutti

Immagine
Alla luce di quanto accaduto una frase su cui riflettere.

«L’autentica esperienza religiosa è un dono per tutti, anche per chi la fede non ce l’ha, o ne ha una diversa. Al di fuori di questo dono gratuito, c’è solo barbarie, idolatria, auto-inganno, consumismo emotivo, ricerca di potere e di denaro. In questo nostro tempo di profonda crisi delle religioni e delle fedi, dobbiamo tornare a parlare bene dello spirito religioso, a dirne buone parole, a bene-dirlo. È solo la buona spiritualità che può curare le malattie e le perversioni delle religioni. Un mondo senza fedi e religioni sarebbe soltanto un luogo infinitamente più povero».
L. Bruni, in Avvenire del 10 luglio 2016


Il racconto di un anno

Ho sistemato le unità realizzate in questo anno scolastico. Mi piace ripensare il mio lavoro, soprattutto per rendermi conto di quanto avrei potuto fare (e non ho fatto) e di quello che avrei potuto, invece, risparmiare agli alunni. Inserire questo lavoro nel blog è un modo per non perderlo (visto che sono imbattibile in questo), ma anche per mettermi in gioco. Non penso tanto al contributo che potrei dare ai colleghi (che comunque non mi dispiacerebbe), ma ai suggerimenti e alle critiche costruttive che potrei ricevere.

Un giovane coraggioso: Faraz Hosain

I fatti di questi giorni ci lasciano smarriti e sgomenti. Lascio a chi è del mestiere l'analisi e i commenti, però una cosa mi frulla in testa. E se fosse che questi giovani, quelli che compiono azioni così barbare e prive di alcun senso di pietà umana, siano solo alla ricerca di adrenalina, di emozioni forti? Nessun ideale o ideologia, nessun credo religioso, ma solo il modo di scuotere una vita banale. Se la droga, l'alcol, l'eccesso non bastano più, bisogna cercare qualcos'altro. Purtroppo c'è sempre qualcuno pronto, non certo per generosità o empatia umana, a dare un'occasione di brivido. Ma c'è anche chi, nella sua normalità, si rende capace di gesti veramente umani, perché rispettosi della propria e altrui dignità. E' il caso di quel giovane che, mentre quei terroristi suoi coetanei tiravano fuori tutta la loro ferocia e bestialità, ha scelto la via dell'umanità.