Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Se non si vuole rinunciare ad Halloween...

Immagine
Sapete già come la penso su Halloween, quindi non mi ripeto. Dico solo una cosa: se capissimo veramente il senso di quello che facciamo e riscoprissimo la bellezza di quello a cui rinunciamo, all'orrido e alle zucche preferiremmo altro. Se pensate che non si può proprio rinunciare ad Halloween, ecco il mio suggerimento (trovato su FB).

I diritti dei bambini in rap

Immagine
Trovato in rete, segnalato da maestro Roberto, il video realizzato dai bambini della classe V della scuola primaria via Manzoni di Praia a Mare (CS). 

Io non ero come il mio assassino

In questi giorni abbiamo ricordato, anche a scuola, la promulgazione delle leggi razziali in Italia e il rastrellamento del Ghetto di Roma. Che pagine tristi della nostra storia! Abbiamo il dovere di ricordare, perché quelle tragedie non si ripetano. Abbiamo il dovere di ascoltare perché nessuno abbia mai più da soffrire per la barbarie degli uomini. Liliana Segre è stata testimone della crudeltà che si è abbattuta su uomini, donne e bambini senza colpa. Perché non può essere una colpa l'appartenenza ad una religione o ad una tradizione diversa. Gli esseri umani sono capaci di grandi cose, ma anche di coltivare il seme dell'odio e del disprezzo della vita di altri. Liliana Segre, che l'odio e il disprezzo l'aveva vissuto sulla sua pelle, ha avuto la forza e il coraggio di rimanere fedele a quell'umanità che le era stata negata ma che le appartiene. Ascoltate con attenzione le sue parole.

I bambini ci insegnano la solidarietà

La vera solidarietà nasce dalla comprensione del dolore e del bisogno dell'altro. Solo così possiamo anche essere giusti, perché siamo veramente capaci di fare agli altri ciò che vorremmo che gli altri facessero a noi. Questa "regola" è alla base del vivere nella pace e nella giustizia perché ci allontana da ogni prepotenza e mancanza di rispetto per gli altri. Quanto è difficile, però, accorgersi dei bisogni altrui! Sempre pronti a rivendicare i nostri diritti, molte volte ci scordiamo dei diritti degli altri e dei nostri doveri. Eppure è più facile di quello che pensiamo. Certo che, se il nostro sguardo non è attento .....
Guardate questo video. Ancora una volta sono proprio i bambini ad insegnarci come dovrebbe "funzionare" la vita.

E se la riservatezza non fosse solo un diritto ma anche un dovere?

Immagine
Già dalla scuola primaria i nostri studenti postano immagini che li riguardano. So che amano tantissimo creare storie in Instagram. Gli alunni mi dicono che durano 24 ore per poi sparire. Ma spariscono veramente?
Credo che, contrariamente a tutta questa affannosa ricerca di celebrità che i ragazzi, e non solo, cercano attraverso i social, sia necessario riscoprire quella che considero una virtù: la riservatezza. «Essere riservati - trovo in un articolo di Popotus del 25 settembre -, infatti, non significa avere qualcosa da nascondere. Molto più semplicemente, significa preferire il silenzio agli schiamazzi, significa non mettersi in mostra, significa conservare nel proprio cuore quello che abbiamo di più caro anziché parlarne con il primo che capita»
In un suo bellissimo testo, Dove gli angeli esitano, Gregory Bateson  fece l’elogio del sacro, che identificava con il silenzio, la riservatezza, il rispetto per quelle zone della vita dove, riprendendo un verso di Alexander Pope, gli ang…

Le prime proposte per il liceo sportivo

Immagine

In relazione: proposta didattica per la classe terza

Immagine
La prima proposta di questo anno scolastico per le classi terze. Cliccare sull'immagine.