Il potere dell'empatia

Ricordate quando abbiamo parlato a scuola del bullismo? Una delle parole che ho citato più volte è stata empatia. Il bullo, dicevo, non sa stare nella relazione, non comprende il dolore dell'altro. In sintesi, ha un deficit nell'empatia.
Qual è la definizione di questa parola? Etimologicamente il termine proviene dalla combinazione di due parole greche: en che vuol dire dentro e pathos che significa sentimento. Quindi l'empatia è la capacità di comprendere gli stati d'animo o i sentimenti di un'altra persona, di sapersi, insomma,mettere nei panni degli altri. Un bullo in effetti fa fatica a comprendere gli stati d'animo altrui. Se per lui fosse facile farlo non credo che continuerebbe a comportarsi in quel modo.
Questo video vi aiuta a capire cos'è l'empatia e quale potere abbia nei confronti degli altri.
Proprio qualche giorno fa abbiamo sentito del salvataggio di quei bambini e ragazzi di una squadra di calcio e del loro allenatore rimasti intrappolati in una grotta. Abbiamo gioito tutti con loro usciti dalla caverna, come nei giorni precedenti ci siamo sentiti vicini a quei giovani e alle loro famiglie. Questa è empatia.
E avete sicuramente sentito parlare della gara di solidarietà che ne era generata, con offerte di aiuto da varie parti del mondo. Questo è il potere dell'empatia.
Peccato che facciamo funzionare l'empatia a singhiozzo.
Peccato che ci dimentichiamo di tanti altri bambini e ragazzi, intrappolati in altre caverne che sono la miseria e le guerre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Progettare per competenze: il racconto dell'a.s. 2017/2018

I re Magi e il "mistero" della stella