Post

Uno sguardo può cambiarti la vita

Immagine
C’era una volta un ragazzo cattivo, che si chiamava Daniel. Pensava di non dover studiare, o lavorare, per poter vivere, e che contasse solo esser ricchi. Così – aveva sì e no 15 anni – cominciò a minacciare e a picchiare i suoi coetanei, a rubare le borsette per strada e la merce nei negozi, finché divenne uno dei bulli più temuti del suo quartiere, alla periferia di Milano.Violento e spietato. Nemmeno quando fu arrestato, Daniel capì che doveva cambiare: anzi, continuava a comportarsi male e a prendere punizioni. Finché per la prima volta nella sua vita incontrò qualcuno – don Claudio, il cappellano del carcere minorile Beccaria – che non lo guardò come un ragazzo cattivo: «Sei migliore di così» disse don Claudio, e si prese Daniel nella sua comunità di recupero. Era il 2015.
Già dopo un anno il ragazzo cattivo non esisteva più: Daniel capì che aveva sbagliato e che la vita doveva avere tutto un altro senso. Cominciò a studiare, dall'Inferno di Dante Alighieri, un librone che gl…

Le ultime novità dallo Spazio di Profrel

Immagine
Ho aggiornato alcune pagine dell'altro mio blog inserendo nuove attività.
Inserisco i link e una breve descrizione. Vi invito a dare un'occhiata al materiale che è inserito.

Il monachesimo: videolezione con quiz

Cruciverba sull'ebraismo

Cruciverba sull'evangelista Luca

Personaggi della Bibbia (Antico Testamento)

Il coraggio della verità. Proposta per il V Liceo

Immagine
La proposta per il V Liceo. Cliccare sull'immagine per accedere ai materiali. 

Spiegazione del Padre nostro

Immagine
Possiamo definire il Padre nostro la preghiera delle preghiere. In un post di molti anni fa lo definivo una sorta di vademecum per vivere da cristiani. Vediamo di entrare nel significato più profondo per coglierne maggiormente il senso. A Dio non interessa certo che recitiamo parole a memoria!

L’apertura si questa preghiera definisce già la natura del rapporto con Dio: siamo figli che si rivolgono al Padre con totale fiducia e amore, con la certezza di poter trovare sempre ascolto, perdono, accoglienza. Non solo. Nel dire nostro, si sottolinea che Dio è Padre di tutti gli uomini e le donne, senza distinzione. Non importa da dove uno venga, quale sia la sua storia, cosa abbiamo fatto di buono o di cattivo. Dio c’è, per lui o lei, ed è pronto ad accoglierlo nel proprio abbraccio in ogni istante.
La preghiera prosegue con altre frasi che identificano Dio come Signore di ogni cosa. Diciamo infatti "che sei nei Cieli", non per indicare che Lui è lontano da noi, ma per ricordare ch…

Non ci si salva da soli. Proposta per il secondo liceo

Immagine
La proposta per il secondo liceo. Cliccare sull'immagine.

L'ebraismo. Proposta per il Primo Liceo.

Immagine
La proposta per i ragazzi del Primo Liceo.
Come sempre cliccare sull'immagine per accedere ai materiali proposti.

Il sonno della ragione e del cuore

Immagine
Ho letto che il 15,6% degli italiani nega la Shoa. Per carità - dirà qualcuno - ognuno è libero di pensarla come vuole. Mica tanto - aggiungo io. Negare, in questo caso, è permettere il ripetersi del male.
Pensate che nel 2004 la percentuale dei negazionisti era del 2,7%. Se nel giro di quindici anni circa i dati hanno avuto un progresso cosi esponenziale (siamo sul 2,7 alla terza), che cosa potrà mai accadere tra 20 anni? Certo, è più semplice negare che prendere atto di cosa l'uomo può essere in grado di fare quando rinuncia a pensare con la mente e il cuore. Sì, non mi sono sbagliata a scrivere.... C'è un rapporto tra mente e cuore, tra pensiero razionale e sentimento, che non va scisso. Se lo facciamo, finiamo per giustificare ciò che umanamente è ingiustificabile.
In un certo senso, il sonno della ragione e - aggiungo io - del cuore genera mostri.
Quando parlo di cuore intendo qualcosa che va al di là della semplice emozione. Perché mentre le emozioni arrivano e non rius…

Prendere posizione, ovvero vale la pena impegnarsi

Immagine
Nella vita c’è chi sceglie di impegnarsi nelle cose e chi preferisce invece, come direbbe papa Francesco, “osservare la vita dal balcone”. Eppure una vita autentica non può prescindere dall'impegno, dal coraggio di affrontare le sfide che la vita stessa ci pone. La vita è un’esperienza unica di straordinaria importanza che dovrebbe essere vissuta in profondità.
In questa proposta didattica ci confronteremo su alcune questioni del mondo d’oggi e di ieri
alla luce di diverse testimonianze e di alcuni documenti della Bibbia e del Magistero, per comprendere anche a quale impegno sono chiamati i cristiani .
 Per accedere alla proposta e ai materiali, cliccate sull'immagine.

La nuova proposta per il IV Liceo: L'amore è.....

Immagine
La nuova proposta didattica è un viaggio alla ricerca del significato da dare alla parola amore. Si può ricostruire il percorso cliccando sull'immagine.

Condividi?

Immagine
Ormai siamo sempre più connessi. Utilizziamo con naturalezza i social e con altrettanta naturalezza mettiamo like e condividiamo. Non tutto quello che condividiamo è però condivisibile. A volte, purtroppo molte volte, i social diffondono notizie false e si fanno diffusori di odio. È necessario prendere allora coscienza che ci vuole responsabilità nell'utilizzo di questi canali di comunicazione. In questo percorso di apprendimento ci lasceremo accompagnare dall'evangelista Luca che, come leggiamo nel prologo dei due libri della Bibbia che gli sono attribuiti, ha sentito la responsabilità di diffondere una bella notizia. La risurrezione di Gesù è stato il messaggio più nuovo e pieno di speranza che l’umanità abbia mai conosciuto.
Dall'accoglimento di questo messaggio anche le relazioni umane possono venire trasformate. Scopriremo quindi il modo nuovo con cui coloro che accolsero il messaggio di Gesù, aiutati dall'azione dello Spirito Santo, cercarono di vivere le relazio…