Pagine

martedì 16 settembre 2014

"Dio": cosa suscita in noi questa parola?

Cari ragazzi di terza, incomincio subito con una provocazione:
Cosa suscita in voi la parola Dio?
Quali certezze, dubbi, emozioni?
Leggiamo insieme da Sri Ramakrishna, Il libro degli esempi, Gribaudi Editore:
"Quante discussioni si sono fatte e si fanno ancora su Dio. Tu che ne pensi?", chiese un giorno un discepolo al grande maestro.
"Vedi quell'ape?", rispose il maestro. "Senti il suo ronzio? Esso cessa quando l'ape ha trovato il fiore e ne succhia il nettare.
Vedi quest'anfora? Ora vi verso dell'acqua. Ne senti il glu-glu? Cesserà quando l'anfora sarà colma. Ed ora osserva questo biscotto che pongo crudo nell'olio bollente. Senti come frigge e che rumore fa? Quando sarà ben cotto tacerà.
Così è degli uomini. Fino a quando discutono e fanno del gran rumore su Dio, è perché non l'hanno ancora trovato. Chi invece l'ha trovato tace e, nel silenzio, adora ed agisce".

Vi propongo la testimonianza di Fabrice Hadjadj, che da ateo si è convertito al cristianesimo.



«Prima della mia conversione, devo confessarlo, odiavo questa parola. Quando qualcuno diceva "Dio", mi sembrava che mettesse fine a qualsiasi discussione. Aveva introdotto con l’imbroglio un altro jolly nel mazzo di carte. Era un abracadabra, una formula magica e mi verrebbe da dire addirittura una "soluzione finale", con tutto ciò che può comportare di terrorizzante un’espressione del genere. Una soluzione finale all'interno di una discussione che, d’un tratto, veniva soffocata da questa parola grossa e massiccia. La mia conversione consistette dapprima in una conversione di vocabolario. All'epoca del mio ateismo ero obbligato a confessare un mistero dell’esistenza. Pensavo tuttavia che la parola "Dio" non avesse nulla a che vedere con tale mistero, che fosse addirittura un modo per evitarlo. Avevo la pretesa di spiegarne l’esistenza nel lessico, sforzandomi di svicolare così: negazione della morte, volontà di potenza, fuga nell'aldilà, sublimazione nevrotica del "papà/ mamma, aiuto!"… Cos'è accaduto oggi? Sono stato corretto riguardo a tale controsenso. Questa parola non suona più ai miei orecchi come un “tappabuchi”, ma come un “apri-abisso”. È probabile che alcuni la usino come “tappabuchi” (credenti o meno, d'altronde). Non la capiscono affatto, allora. Non ne sentono, per così dire, la musica. Perché il significante "Dio" non discende da un desiderio di soluzione finale: viene dal riconoscimento di un’assenza irrecuperabile. Non sorge tanto come risposta quanto come chiamata. Dà il nome all'evidenza di ciò che mi sfugge, all'esigenza di ciò che mi supera» (da Avvenire del 3.05.13)

Nessun commento:

Posta un commento