Pagine

venerdì 7 luglio 2017

La crisi dell'umanità

Siamo cresciuti, per lo meno io, con l'illusione che il progresso fosse un percorso lineare e inarrestabile, a meno di sciagurate scelte umane.
Ho visto la mia quotidianità arricchita da soluzioni tecnologiche che, da bambina, mi potevo solo immaginare guardando i cartoni animati dei Pronipoti. La cosa strana, però, è che all'evoluzione della tecnologia non è seguita una pari evoluzione dell'uomo. Rimaniamo infatti ancorati agli antichi vizi (potere, corruzione, disprezzo dell'altro, egoismo, ecc...) ed anzi, per certi aspetti, a sentire le notizie dai vari TG, mi pare che stiamo precipitando in una fase di regresso spaventoso.
Di regressione del pensiero e della coscienza parla anche Morin (vedi Avvenire del 27/06/2017) che sottolinea come la crisi che stiamo vivendo non è solo di carattere economico ma è «una crisi dell’umanità che non riesce a essere umanità».
Credo che anche il caso del piccolo Charlie sia espressione di questo triste declino dell'umano, come l'indifferenza o l'ostilità con cui guardiamo ai flussi di gente disperata che preme alle coste del sud dell'Europa.
So che è tempo di vacanza, ma che non sia l'umano, quel briciolo di umano che è ancora in noi, ad andare in ferie.



Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...