Pagine

lunedì 30 agosto 2010

Per ripassare

Che ne dite, cari alunni, se continuiamo a rinfrescarci la memoria?

sabato 28 agosto 2010

Educare all'affettività

Co­sa spinge un ragazzo come tanti a dare addosso a una coetanea, cosa lo induce a non fermarsi davanti al suo no, a pensare di potersi prendere quel che lei gli sta negando? E cosa induce una ragazza a esporsi al perico­lo, cosa le impedisce di ve­dere che piega stanno pren­dendo le cose? Colpa del­l’alcol, hanno detto in tanti, erano tutti ubria­chi. «Con l’alcol in corpo, o con la droga, si dà il peggio di sé. Quel peggio che già sonnecchia dentro»: Roberta Vinerba è una suora france­scana che sa parlare ai giovani – e non solo – di sessualità, i suoi corsi per fidanzati sono di­ventati un cult, a Perugia. Sui ragazzi – su certi ragazzi – esprime giudizi per nulla teneri: «Be­re troppo è solo l’esito finale di una serie di com­portamenti, l’alcol è il partner inseparabile – spiega suor Vinerba – di un certo genere di idee. Anzi, della mancanza di idee, di quel niente che tanti giovani si portano dentro e che li spinge a provare tutto». Ma per vincere la monotonia che una vita senza limiti produce, i ragazzi han­no bisogno di emozioni e se le procurano con la droga, l’alcol, la violenza. Con i primi due fi­niscono per far male solo a se stessi ma quan­do la voglia di novità diventa aggressiva le cose cambiano parecchio: «Sono costantemente e­rosi i confini tra il corpo proprio e quello altrui, i ragazzi faticano a capire dove finiscono loro e cominciano gli altri. È sotto gli occhi di tutti – spiega suor Roberta – come gli adolescenti non siano capaci di tenere le distanze. Le effusioni, i baci e le carezze sono condivisi con tutto il gruppo, persino con gli amici dello stesso ses­so, e non riservati al fidanzato. Sono esibiti in­vece di essere confinati alla sfera dell’intimità».
FONTE: dall'articolo di Nicoletta Martinelli su Avvenire del 10 agosto 2010

giovedì 26 agosto 2010

Il centenario della nascita di Madre Teresa

Cento anni fa nasceva Madre Teresa. E' incredibile ciò di cui è stata capace questa donna minuta e apparentemente fragile. Ma non c'è stupore in chi crede e sa che Dio è capace di grandi cose. Mentre sto scrivendo mi vengono in mente alcune delle parole del Magnificat: "ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili".
Per ricordare Madre Teresa vi lascio un filmato in cui è lei stessa a parlarci.

martedì 24 agosto 2010

Educare all'obbedienza

Obbedire è una virtù? Non sempre. Ci sono situazioni, e la Storia lo insegna, in cui l'obbedienza ha comportato l'oppressione del debole, la persecuzione, la minaccia alla dignità umana.
Disobbedire per partito preso è però altrettanto pericoloso.
La riflessione sull'obbedienza è nata da una frase pronunciata dal cardinale Montini, il futuro Paolo VI.
Ve la propongo:
"Noi dobbiamo educare i giovani all'esercizio del dovere liberamente compiuto. Obbedire per amore, servire per amore, essere forti per amore; questo ha da essere lo stato d'animo che vogliamo creare nella gioventù d'oggi. Se vogliamo una democrazia vera, dobbiamo volerla eminentemente morale".
Queste parole venivano pronunciate nel lontano 1955. Più di 50 anni sono passati, eppure mi sembrano ancora molto attuali.
L'obbedienza è una virtù quando è espressione di un servizio al bene di tutti, quando è impegno verso ciò che è giusto e buono. Se si perde di vista la dignità umana, il rispetto per l'altro, per se stessi, per l'ambiente, tutto diventa prevaricazione, egoismo, arbitrio. Allora anche la democrazia è vuota, apparente. Educare al senso del dovere vuol dire educare al rispetto per l'altro, ad uscire dal proprio tornaconto, a vivere la propria vita con senso di responsabilità. Allora sì che saremo veramente liberi, che l'obbedienza sarà critica e costruttiva, che il senso di responsabilità ci aiuterà a costruire una società più giusta, dove "i furbetti di quartiere" si troveranno sempre più fuori posto.

domenica 22 agosto 2010

Un gioco di ripasso per le classi seconde

Le parole scelte, che troverete anagrammate, riguardano alcuni degli argomenti affrontati con le classi seconde nello scorso anno scolastico.
Buona fortuna!

venerdì 20 agosto 2010

Quanto era alto Golia?

Secondo la Bibbia doveva essere alto 3 metri e 37 centimetri. Impressionate vero? Ma lo sapete a quanto potrebbero corrispondere i 30 denari oggi? Oppure, qual è la nazione i cui abitanti sono al 100% cattolici? Sapete dove si trova, invece, la cattedrale più piccola del mondo?
A queste e a tante altre curiosità risponde il libro di Giorgio Nadali, collega di religione, dal titolo "I monaci sugli alberi", edizioni San Paolo.
Buona lettura!

lunedì 16 agosto 2010

Creare giochi in flash

Gli  ultimi giochi che ho inserito nel blog sono stati realizzati con due generatori.


ContentGenerator ci offre la possibilità di scaricare gratis alcuni generatori, sui quali possiamo lavorare per creare i nostri quiz.

 
Genmagic, dietro iscrizione, è un portale che mette a disposizione alcuni generatori di giochi.

Non mi resta che augurare buon lavoro ai colleghi che volessero cimentarsi con queste opportunità offerte dal web.

giovedì 12 agosto 2010

Giochiamo per ripassare

Propongo agli alunni che hanno frequentato la classe prima un altro esercizio per rinfrescare la memoria.
Cliccate sull'immagine.

martedì 10 agosto 2010

Miliardari donano metà delle loro ricchezze

E' di alcuni giorni fa la notizia che 34 supermiliardari americani  hanno deciso di dare in beneficenza almeno il 50% del proprio patrimonio. L'iniziativa, battezzata "The Giving Pledge" (l'impegno a dare), è stata lanciata a metà giugno da Bill Gates, il fondatore di Microsoft, e Warren Buffet, investitore finanziario, rispettivamente al secondo e al terzo posto della classifica dei più ricchi del mondo di "Forbes". L'obiettivo è quello di aprire un canale di solidarietà di circa 600 miliardi di dollari.
Finalmente una bella notizia! Non solo i cammelli riusciranno a passare per la cruna dell'ago!

domenica 8 agosto 2010

Trovare la fede nel dolore

Di fronte al male e al dolore rimaniamo interdetti, spaventati. Per non parlare del dolore degli innocenti che viviamo come una provocazione alla nostra fede.

"Quando capisci che la vita ti è donata, non puoi che iniziare a prenderla sul serio e donarla a tua volta. (...) Il vero miracolo per me è aver sperimentato che, perfino in un evento drammatico e profondamente ingiusto, dove la malvagità dell'uomo dispiega tutta la sua forza devastatrice, è possibile incontrare l'amore di Dio, rinnovare la fede e rafforzare la speranza. Vorrei che a ognuno fosse concessa la mia stessa esperienza, che si potesse riconciliare con la propria storia e vivere finalmente in pace".
Ho letto queste belle parole in un'intervista a Carlo Dionedi, sopravvissuto alla strage di Bologna, che in quell'evento così drammatico ha ritrovato la fede. Una bella tesimonianza, che vale più di tante parole.
Per saperne di più, cliccate qui.

sabato 7 agosto 2010

Una suora a capo di un cantiere

Non chiamatela ingegnere. Suor Celine, voce squillante e risata contagiosa, scuoterebbe la testa e immediatamente preciserebbe: «Io di ingegneria e costruzioni non sapevo proprio un bel niente». Fino al 2004, almeno. Quando la Congregazione delle Suore Terziarie di San Francesco l’ha “scelta”. Missione: entrare nel team di progettisti e tecnici impegnati nella costruzione del primo centro di cardiochirurgia di tutta l’Africa Centro Occidentale, l’ospedale di Shisong, realizzato dall’italiana Associazione bambini cardiopatici nel mondo. E coordinarlo. Suor Celine, al secolo Celine Epie Mbolle, era tra i banchi di scuola quando le hanno dato la notizia. Perché di mestiere lei – nata e cresciuta in Camerun, da una famiglia che non poteva permetterle scuole facoltose, tanto meno l’università – ha sempre fatto l’insegnante: lezioni di economia domestica, precisamente, e di corretta alimentazione impartite ai ragazzini, ma spesso anche alle loro mamme, fuori dagli orari scolastici. Immaginarsi la sorpresa della consacrata: «Ho risposto "Io? Ma davvero?". Poi ho detto "sì" – racconta –: era la mia chiamata, e anche se sembrava un compito impossibile, ho capito che era Dio a volerlo».Così, unica donna nel raggio di chilometri, con l’abito candido e il block notes alla mano per imparare dagli ingegneri veri, suor Celine ha assunto il suo incarico direttivo nel cantiere: «Inizialmente mi sono occupata della gestione del personale – spiega–: alla costruzione dell’ospedale hanno partecipato circa 120 persone, tra operai e volontari, e il mio compito era quello di istruirli sulle loro mansioni: geometri, architetti e ingegneri mi mostravano il progetto, indicavano le priorità, spiegavano come doveva procedere il lavoro.
E io, a mia volta, illustravo tutto questo agli uomini in cantiere, e li seguivo». Ma non basta. Al nuovo ospedale servono materiali: legno per le porte e per i tetti, acciaio per le griglie e gli infissi, e ancora sabbia, cemento, vetro. Suor Celine conosce bene il mondo artigianale locale e parla perfettamente lingue e dialetti: sa quali sono i fornitori seri, quelli che lavorano meglio, quelli che lo fanno più in fretta. Così, per i responsabili del progetto, è naturale affidare la scelta di questi ultimi a lei: «Ho deciso con chi dovevamo lavorare, sottoscritto i contratti. Ho imparato persino a distinguere, col tempo, quando i materiali che ci fornivano andavano bene e quando no». Scoppia di nuovo a ridere, suor Celine, nella sua stanza d’albergo a Milano, dove oggi la Facoltà di Architettura del Politecnico le consegnerà un attestato che certifica «il suo valido lavoro quale "capo cantiere" nella costruzione dell’ospedale di Shisong»: «Chi l’avrebbe detto –esclama –, quando decidevo da chi acquistare il calcestruzzo, che questa avventura mi avrebbe anche portata lontana dal Camerun, per la prima volta nella vita». Suor Celine non era mai uscita, dal suo Paese, prima.E si legge tanta emozione, sul suo volto, mentre si volta a cercare lo sguardo della superiora, suor Alfonsa Kiven, arrivata con lei per ritirare il riconoscimento: «Io una laurea in ingegneria non ce l’ho – continua –, però quello che mi riconoscono oggi è un po’ come se lo fosse, una laurea». Ci pensa su un attimo e subito aggiunge: «Una laurea di famiglia, s’intende». Perché, spiega, è quello che si è davvero costruito in Camerun, nel distretto dimenticato di Kumbo, là dove centinaia di bambini soffrono di problemi di cuore e non hanno cure: una casa, una famiglia, e solo dopo, «ma molto dopo», un ospedale. «Senza Dio, e senza quell’essere famiglia che siamo stati, non sarebbe stato possibile nulla». Suor Celine, ingegnere sul campo della fede. Ponte tra uomini. Costruttrice di speranza.
VIVIANA DALOISO su Avvenire del 28 Luglio 2010

venerdì 6 agosto 2010

Fare l'esame di coscienza

Tempo di vacanze. C'è chi parte e c'è chi resta, perchè partire non può.
Ho letto che è aumentato il numero di chi le vacanze non se lo può permettere.
Pensate anche che sono ben 8 milioni, il 13 %  dell'intera popolazione, le persone che in Italia non solo non possono pensare alle vacanze, ma che fanno veramente fatica ad andare avanti nella vita di tutti i giorni. La povertà colpisce anche in casa nostra.
Posso pensare che la cosa non mi riguardi? In fondo cosa potrei fare?
"I poveri li avrete sempre con voi" - ha detto Gesù. Con questo non dobbiamo assolverci dal nostro non far nulla per cambiare la situazione, perchè, sempre Gesù diceva: " Qualunque cosa avrete fatto al più piccolo lo avete fatto a me".
Vi riporto le parole di don Domenico Sigalini, lette su Dimensioni Nuove di Aprile:
"Basterebbe infatti fare un giro nel terzo mondo per vedere se possiamo stare tranquilli nella nostra abbondanza o se forse non ci dobbiamo fare un serio esame di coscienza per vedere se il nostro benessere, e lo è, non dipende dal malessere che il nostro mondo procura a popoli poveri e affamati; se la nostra abbondanza sfacciata non significhi una appropriazione indebita di qualcosa che è di tutti".

La povertà mi invita ad un serio esame di coscienza sul mio modo di vivere.
Quanta attenzione ho per gli altri? Quanto pesa per me l'apparire piuttosto che l'essere?
E' tempo di vacanza. Certamente.
Ma questo non significa mandare in vacanza la coscienza.

mercoledì 4 agosto 2010

Giochiamo con le parole 1

Sono d'accordo con voi. Le vacanze sono sacre. Che ne dite però, cari alunni, se vi proponessi qualcosa di divertente per rinfrescarvi la memoria?
Cliccate sull'immagine.

martedì 3 agosto 2010

Creare online collage fotografici

Se volete creare un collage con le vostre foto date un'occhiata a Photovisi.
Una volta collegati, per iniziare dovrete cliccare su ''Click Here to Start!'', successivamente dovrete scegliere uno dei modelli messi a disposizione e caricare le immagini  (anche dal vostro computer) che si vogliono inserire nel collage.  Per ogni immagine caricata verrà visualizzata l'anteprima del collage. Generata la composizione, dovrete cliccare su ''click here to continue'', in modo da scaricarla nel proprio computer in tre diverse risoluzioni: 800×600, 1024×768, 1280×800, o inviarla via e-mail. Il servizio viene offerto gratuitamente senza alcun obbligo di registrazione.