Pagine

lunedì 15 luglio 2013

Malala alle Nazioni Unite

Ho avuto già modo di parlarvi di Malala.
Il 12 luglio, in occasione del suo sedicesimo compleanno, questa coraggiosa ragazza, candidata per il Nobel per la Pace, ha avuto l'opportunità di parlare all'ONU.
Pensate un po', il suo discorso è stato un accorato appello all'istruzione per tutti. Ma vi rendete conto, ragazzi? La scuola, che molti di voi sopportano a fatica, e qualche volta maledicono, è per Malala l'occasione per costruire un mondo più giusto.
Ecco alcuni passi del suo discorso.
«Oggi non è il Malala day, ma di tutti coloro uomini e donne che hanno alzato la voce per i loro diritti. Ci sono centinaia di attivisti per i diritti umani e sociali che propongono non solo di parlare per i diritti umani, ma che stanno lottando per raggiungere i loro obiettivi di istruzione, pace e uguaglianza. Migliaia di persone sono state uccise dai terroristi e milioni sono stati feriti. Così eccomi qui ... una ragazza tra i tanti. Parlo - non per me, ma per tutti i ragazzi e le ragazze. Alzo la mia voce - non è così che io possa gridare, ma in modo che coloro che non hanno una voce possano essere ascoltati. Coloro che hanno lottato per i loro diritti.
Il loro diritto di vivere in pace.
Il loro diritto di essere trattati con dignità.
Il loro diritto alla parità di opportunità.
Il loro diritto di essere educati. [...]
Io non sono qui contro nessuno. Voglio parlare del diritto all’istruzione dei bambini. Voglio istruzione anche per i figli dei talebani.
Anche se avessi una pistola in mano e il talebano davanti, non gli sparerei. E’ l’esempio della non violenza che ho imparato da Maometto, da Cristo e da Buddha….
E’ la voglia di cambiamento che ho ereditato da Martin Luther King e Nelson Mandela, e’ la filosofia della non violenza che ho imparato da Gandhi e madre Teresa . E questo è il perdono che ho imparato da mia madre e mio padre [...]
Cari fratelli e sorelle, ci rendiamo conto dell'importanza della luce quando vediamo tenebre. Ci rendiamo conto dell'importanza della nostra voce quando siamo a tacere. Allo stesso modo, quando eravamo in Swat, nel nord del Pakistan, abbiamo capito l'importanza di penne e libri quando abbiamo visto i cannoni.
Il saggio disse: "La penna è più potente spada" era vero.
Gli estremisti hanno paura di libri e penne. Il potere dell'educazione li spaventa. [...]
Mi ricordo che c'era un ragazzo della nostra scuola a cui è stato chiesto da un giornalista: "Perché i talebani contro l'educazione?" Ha risposto in modo molto semplice. Indicando il suo libro, ha detto: "I Talebani non sanno quello che è scritto all'interno di questo libro."
Pensano che Dio sia un piccolo, piccolo essere conservatore che manderebbe le ragazze all'inferno solo perché vanno a scuola. [...]
L'Islam è una religione di pace, di umanità e fratellanza. L'Islam dice che non è solo diritto di ogni bambino ottenere l'istruzione, piuttosto che è suo dovere e responsabilità.
Onorevole Segretario Generale, la pace è necessaria per l'istruzione.
In molte parti del mondo, in particolare il Pakistan e l'Afghanistan, il terrorismo, le guerre e conflitti impediscono ai bambini di andare alle loro scuole. Siamo veramente stanchi di queste guerre. Donne e bambini soffrono in molte parti del mondo in molti modi. In India, i bambini innocenti e poveri sono vittime del lavoro minorile. Molte scuole sono state distrutte in Nigeria. [...]
La povertà, l'ignoranza, l'ingiustizia, il razzismo e la privazione dei diritti fondamentali sono i principali problemi affrontati da uomini e donne.[...]
Facciamo appello a tutti i governi di garantire l'istruzione obbligatoria e gratuita per tutti i bambini di tutto il mondo. Facciamo appello a tutti i governi di combattere il terrorismo e la violenza, per proteggere i bambini da brutalità e danni. Invitiamo le nazioni sviluppate per supportare l'espansione delle opportunità educative per le ragazze nel mondo in via di sviluppo. Facciamo appello a tutte le comunità ad essere tolleranti - a respingere il pregiudizio basato sul credo, la religione o il sesso. Per assicurare la libertà e l'uguaglianza per le donne in modo che possano prosperare. [...]
Le nostre parole possono cambiare il mondo. Perché siamo tutti insieme, uniti per la causa della formazione. [...]
Riprendiamo in mano i nostri libri e penne. Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, una penna e un libro può cambiare il mondo. L'istruzione è l'unica soluzione. Education First».
Vi propongo anche il video del suo discorso.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...