I bambini e il gioco. E' meglio fuori casa

Dall'articolo "Dove giocano i bambini? Meglio se è fuori casa" di Umberto Folena.

Giocate, bambini, giocate. Con i vostri amici, inventandovi gio­chi sempre diversi. Lontano da­gli sguardi apprensivi degli adulti. Gio­cate all’aperto, perché soltanto quello là fuori è vero gioco. Parola di France­sco Tonucci, responsabile del progetto internazionale 'La città dei bambini' del Cnr. Da anni lui e l’Azione cattolica ragazzi (Acr) s’incontrano e collabora­no. Viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda. E così è nato il progetto 'Dove andiamo a giocare?', una grande inda­gine sul territorio per scoprire dove e come giocano bambini e ragazzi italia­ni. L’Acr distribuirà capillarmente un questionario, che comincia con questa domanda cruciale: «Ti capita durante il tuo tempo libero di giocare fuori casa?». Ma avercelo il «tempo libero», quando troppi genitori sembrano presi dalla fre­nesia di riempirglielo tutto, il tempo ai loro figli. E «fuori casa», dove sono in agguato i lupi... «Sa quanti bambini ita­liani tra i 6 e gli 11 anni vanno a scuola da soli? Il 7 per cento» scuote il capo To­nucci, padre e nonno. E negli altri pae­si? «In Germania il 75, in Norvegia il 90». I genitori italiani saranno pure partico­larmente apprensivi, ma i pericoli ci so­no davvero. La loro, quindi, è appren­sione patologica o saggia prudenza? «A Pesaro – racconta Tonucci – abbiamo avviato un progetto, in dieci scuole, per incoraggiare i bambini ad andare a scuola con gli amici, senza adulti. Do­po dieci anni ho interpellato la Polizia municipale. Quanti bambini soli erano stati vittime di incidenti? Zero. E quan­ti bambini in automobile con i genito­ri? Nove. Paradossalmente, è molto più pericoloso farsi accompagnare...». Giocare è dunque importante, ma non tutti i giochi sono uguali. «Le esperien­ze dei primi giorni, mesi e anni della propria vita sono decisive – spiega To­nucci – e si fanno giocando. 'Gioca' la mamma quando allatta e accarezza il suo bambino; si gioca per esplorare il mondo. Tramite il gioco, l’individuo po­ne le basi del suo futuro». Ma perché è così importante giocare fuori casa, con gli amici, senza lo sguar­do assillante degli adulti? «Il verbo gio­care non può accompagnarsi con i ver­bi accompagnare, controllare e sorve­gliare; va d’accordo solo con il verbo la­sciare. Il bambino che non esce di casa non incontra bambini sconosciuti e non elabora strategie per conoscerli; né po­trà stabilire se sono buoni compagni di giochi da cercare ancora, o al contrario da evitare». Oggi i bambini italiani gio­cano a giochi organizzati dai grandi... «Hanno amici 'coatti', i compagni di scuola e i figli degli amici dei genitori. Tutti coetanei. Invece dovrebbero fre­quentare anche bambini più grandi, che sanno di più, dai quali apprendere. Sa che cosa le dico? Se un bambino non ha vissuto queste esperienze, farà mol­ta fatica a scegliersi il compagno o la compagna giusti per la vita». Giocare fuori, infine, per scaricare le e­nergie fisiche. Per correre, sporcarsi, li­tigare... «Davanti alla tv – scuote il capo Tonucci – è facile che si rimpinzi di por­cherie. I pediatri sono convinti che l’o­besità infantile procuri danni peggiori perfino del fumo. E le cause sono due, scarso movimento e cibo cattivo». Il bambino a cui è impedito di ritagliar­si spazi di autonomia, fuori casa, rischia di maturare un forte bisogno di tra­sgressione che esploderà appena si ve­rificheranno le condizioni minime, da adolescente. «Bullismo, vandalismo, in­cidenti stradali, abuso di sostanze, ses­so scriteriato... non dipendono diretta­mente dagli errori educativi dell’infan­zia, ma di sicuro vi hanno a che fare». «Troppi genitori sembrano convinti di avere di figli tonti», sorride Tonucci. In­vece si sanno arrangiare, se gliene dia­mo la possibilità. Il progetto con l’Acr procurerà materiale utile per rendere più accessibile il diritto al gioco. Quello vero, quello 'fuori'.
(Avvenire del 18 gennaio 2014)

Commenti

Post popolari in questo blog

Progettare per competenze: il racconto dell'a.s. 2017/2018

I re Magi e il "mistero" della stella

LearningApps come alternativa a Padlet