Per non dimenticare l'orrore di cui siamo capaci

Istituito per legge nel 2000, il 27 gennaio è il giorno che commemora la persecuzione dei cittadini ebrei e di tutti coloro che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte. Sono trascorsi 68 anni da quando l'Armata Rossa liberò il campo di sterminio di Auschwitz. Un tempo lontano per i miei alunni. Un tempo che non va dimenticato, perché gli uomini sono fragili nella memoria, soprattutto quando questa ricorda loro la bestialità di cui l'essere umano può essere capace.
Il mio contributo alla memoria è la testimonianza video di alcuni sopravvissuti ai lager nazisti. Vi lascio anche il link a I nomi della Shoa, un sito che testimonia l'orrore che hanno dovuto subire gli ebrei italiani. Cliccate qui.
Per vedere il video, cliccate sull'immagine.




Commenti

Post popolari in questo blog

La Bibbia e la luna

Classe prima: Chi sono, chi siamo. Riconoscere la propria unicità e aprirsi agli altri.

Il mio saluto ai ragazzi di terza media