Pagine

martedì 12 aprile 2011

Come un'unica famiglia (La Chiesa e l'immigrazione)

Proviamo a pensare come se non esistessero più  le divisioni per etnia, cultura, religione.
Così come in una famiglia ci può essere chi ha gli occhi azzurri e chi scuri (pur figli dello stesso papà e della stessa mamma), così l'umanità si differenzia per caratteristiche fisiche, di cultura, di tradizioni, e così via. Ma, pur nei distinguo, ognuno di noi appartiene alla stessa famiglia umana.
Papa Benedetto, in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato del 2011, ha sottolineato come tutti i popoli costituiscono una sola comunità e non è per caso che viviamo gli uni accanto agli altri.
Vi lascio questa Tagcloud su alcuni punti del documento.

Se volete vedere l'immagine più grande, con le parole che si animano al passaggio del mouse, cliccate qui.
Se, invece, avete voglia di leggervi tutto il documento (non preoccupatevi, non è eccessivamente lungo), vi invito a cliccare qui.

Nessun commento:

Posta un commento