Pagine

venerdì 9 luglio 2010

San Francesco e l'agnellino

L'avervi parlato del pallio mi ha fatto venire in mente un episodio che riguarda la vita di San Francesco e la terra in cui vivo.
"Attraversando una volta la Marca d'Ancona, dopo aver predicato nella stessa città, e dirigendosi verso Osimo, in compagnia di frate Paolo, che aveva eletto ministro di tutti i frati di quella provincia, incontrò nella campagna un pastore, che pascolava il suo gregge di montoni e di capre. In mezzo al branco c'era una sola pecorella, che tutta quieta e umile brucava l'erba. Appena la vide, Francesco si fermò, e quasi avesse avuto una stretta al cuore, pieno di compassione disse al fratello: "Vedi quella pecorella sola e mite tra i caproni? Il Signore nostro Gesù Cristo, circondato e braccato dai farisei e dai sinedriti, doveva proprio apparire come quell'umile creatura. Per questo ti prego, figlio mio, per amore di Lui, sii anche tu pieno di compassione, compriamola e portiamola via da queste capre e da questi caproni". Frate Paolo si sentì trascinato dalla commovente pietà del beato padre; ma non possedendo altro che le due ruvide tonache di cui erano vestiti, non sapevano come effettuare l'acquisto; ed ecco sopraggiungere un mercante e offrir loro il prezzo necessario. Ed essi, ringraziandone Dio, proseguirono il viaggio verso Osimo prendendo con sé la pecorina. Arrivati a Osimo si recarono dal vescovo della città, che li accolse con grande riverenza. Non seppe però celare la sua sorpresa nel vedersi davanti quella pecorina che Francesco si tirava dietro con tanto affetto. Appena tuttavia il servo del Signore gli ebbe raccontato una lunga parabola circa la pecora, tutto compunto il vescovo davanti alla purezza e semplicità di cuore del servo di Dio, ne ringraziò il Signore.

Il giorno dopo, ripreso il cammino, Francesco pensava alla maniera migliore di sistemare la pecorella, e per suggerimento del fratello che l'accompagnava, l'affidò alle claustrali di San Severino, che accettarono il dono della pecorina con grande gioia come un dono del cielo, ne ebbero amorosa cura per lungo tempo, e poi con la sua lana tesserono una tonaca che mandarono a Francesco mentre teneva un capitolo alla Porziuncola. Il Santo l'accolse con devozione e festosamente si stringeva la tonaca al cuore e la baciava, invitando tutti ad allietarsi con lui".
(dai Fioretti: Fioretto di San Francesco, FF 454)
Doveva essere il 1221 quando Francesco, per la seconda volta, incontrò le claustrali di San Severino, nel luogo che oggi ospita i Frati Cappuccini. Alcuni anni dopo la presenza di Francesco, queste donne che vivevano la vita di clausura ottennero dal vescovo di Camerino un attestato che le ammetteva alla dipendenza dei frati minori, per l'assistenza spirituale e materiale. In conseguenza di ciò, queste "donne recluse" incominciarono a vivere secondo la regola vigente a S. Damiano d'Assisi. Il 1223 può essere quindi considerato l'inizio ufficiale della presenza delle clarisse a San Severino.
Se volete saperne di più, vi invito a visitare il sito delle clarisse di San Severino, cliccando qui.

Nessun commento:

Posta un commento