Pagine

martedì 15 dicembre 2009

Il villaggio di Nevè Shalom/Wahat al Salam


La parola pace scritta in inglese, ebraico e arabo, costruisce un simbolo che invita a sperare nella soluzione del conflitto tra ebrei e palestinesi. La pace, in questa area del mondo, sembra ancora molto lontana; la guerra, purtroppo, ha radici antiche, nutrite dall'estremismo, l'incomprensione, l'intolleranza.
Se solo gli uomini imparassero a guardarsi negli occhi!
C'è un villaggio, situato su una collina, ad uguale distanza (30 km) da Gerusalemme, da Tel Aviv e dalla cittá palestinese di Ramallah, dove, fin dal 1977, vivono famiglie arabe ed ebree. Il villaggio si chiama Neve Shalom/Wahat al-Salam, e chi vi abita vuole testimoniare che la convivenza tra arabi (non solo musulmani ma anche cristiani) ed ebrei è possibile.
Il nome di questo villaggio deriva da un passo del profeta Isaia (32,18), dove leggiamo: "Il mio popolo abiterá in un’Oasi di Pace" ( Neve Shalom in ebraico, Wahat al-Salam in arabo). Fu il padre domenicano Bruno Hussar, ebreo di origine, cittadino di Israele nel 1966, a dare il nome a questa esperienza di convivenza tra credenti di diversa fede.
Nel villaggio è attiva da oltre quindici anni una Scuola per la pace, molto nota e apprezzata a livello internazionale, che organizza seminari di incontro e di mediazione dei conflitti. La sua attività consiste in laboratori residenziali (della durata di quattro-cinque intense giornate), attraverso i quali sono finora passati più di 25 mila persone tra allievi ( 16-17 anni) dei licei ebraici e arabi di Israele, studenti universitari, insegnanti, leader locali e altre categorie di professionisti.  Il lavoro si svolge in piccoli gruppi binazionali di 14-16 partecipanti, e per ognuno di questi microgruppi vi sono due coordinatori o «facilitatori», di cui uno/a è ebreo/a e l'altro/a è palestinese.
Le difficoltà non mancano; la pace, lo si sa, non è semplice ma...

Fino a che ogni fermento d'odio
non avrà lasciato il mio cuore,
non mi riterrò puro.
Sarò, ai miei occhi,
come se non fossi mai nato.
Rabbi Levi ltzchak, maestro rabbinico


Nessun commento:

Posta un commento