Pagine

giovedì 3 dicembre 2009

L'Osservatore Romano e i Simpson

Mai avrei pensato che gli irriverenti e a volte antipatici Simpson potessero suscitare l'interesse di un giornale autorevole quale l'Osservatore Romano (il quotidiano vaticano), che è arrivato a dire che è possibile ritrovare in loro le tracce di un pensiero teologico.
Vi riporto una parte dell'articolo di Luca M. Possati:
"Perché tra i tanti temi che entrano in gioco nella vita della scanzonata comunità di Springfield quello di Dio, e del rapporto tra l'uomo e Dio, è uno dei più importanti (e più seri). Dalle interminabili prediche del reverendo evangelico Lovejoy - alle quali corrispondono regolarmente i sonni di Homer nei banchi in prima fila - al radicalismo ingenuo di Flanders e dei suoi figli biblisti maniacali, fino ai monologhi dei protagonisti che si rivolgono direttamente all'Altissimo. Anche se, in linea con lo stile della serie, non mancano i riferimenti pungenti alla confusione religiosa e spirituale dei nostri tempi, come quando Homer in preda al panico si chiede:"Ma Marge, e se avessimo scelto la religione sbagliata? Ogni settimana faremmo solo diventare Dio più furioso!". Specchio insieme dell'indifferenza e della necessità che l'uomo moderno prova nei confronti del sacro, Homer trova in Dio il suo ultimo rifugio, anche se a volte ne sbaglia clamorosamente il nome:"Di solito non sono un uomo religioso, ma se tu sei lassù, salvami... Superman!".
Errori di percorso, perché in realtà i due si conoscono bene. In un episodio, mentre la sua casa sta bruciando e Springfield è minacciata dai demoni, Homer decide di chiedere udienza proprio a Lui. Una scala mobile tra le nuvole lo porta al Suo ufficio, dove campeggia, in bella mostra sulla scrivania la scritta: I believe in Me.

Nessun commento:

Posta un commento